Il grande passo WEBdeBS

Lo staff WEBdeBS ha deciso di compiere il grande passo e far diventare la nostra una vera e propria associazione senza scopo di lucro.
Il primo passo di questo processo è la registrazione dello statuto dell’associazione. Qui di seguito riportiamo il link a quanto elaborato fin ora. L’intenzione è di raccogliere gli ultimi eventuali commenti/suggerimenti nei prossimi giorni, apportare eventuali modifiche/integrazioni e procedere con la pratica all’inizio della prossima settimana. Buona lettura.

Anteprima Statuto WEBdeBS – Documento GDocs

8 Comments

  1. Mossa interessante. Motivazioni?

    • Motivazioni a cosa? Al diventare associazione? Di fatto, che non era più possibile gestire tutte le iniziative senza una corretta gestione legale e fiscale delle nostre attività.

  2. Non so come abbiate fatto fin’ora senza, con tutte le iniziative che avete organizzato!! Noi come Associazione Italiana Perl abbiamo dovuto costituirci già anni fa…

    In ogni caso, complimentoni per tutto, ci vediamo ad Django Day (spero)!

  3. 1)
    Riguardo a:

    ART. 3
    Il numero dei soci è illimitato.

    Forse é meglio scrivere “il numero [massimo] di soci è illimitato” o meglio “Non c’e’ limite al numero massimo di soci”.

    2)
    Sarebbe più chiaro da leggere se gli articoli avessero un titolo. Questo aiuta anche chi scrive (non solo chi legge): se diventa difficile trovare un titolo forse l’articolo contiene troppi argomenti.

    3)
    Riuscireste a configurare Google Docs in modo che chiunque possa scrivervi commenti? In questo modo ridurreste le barriere al feedback.

    • 1) Non ho capito la differenza fra le due formulazioni. Cosa cambia, all’atto pratico?
      2) Abbiamo preso come modelli diversi statuti, e alcuni avevano il titolo dell’articolo, altri il sottotitolo.
      3) Abbiamo preferito tenere le due cose separate (feedback e documento).

  4. Un paio di cose legalesi:
    art. 16 cosi’ come e’ formulato sembra che si debba mandare a tutti una raccomandata per convocare l’assemblea. Inoltre 7 giorni mi sembrano un po’ pochi.

    Mi sembra inoltre che un decimo degli associati sia un po’ poco per richiedere un’assemblea straordinaria. Ipotizzando 100 iscritti, 10 possono richiedere un’assemblea che, se non partecipata alla prima convocazione, in seconda convocazione può cambiare il consiglio direttivo? E’ un po’ pericoloso.

    Quanto meno metterei che per cambiare il consiglio direttivo devono essere presenti almeno un terzo degli associati, se questo cambiamento avviene al di fuori dell’ordinaria assemblea annuale.

    • OK, grazie per la dritta. Vediamo di recepirla nella stesura finale.